Dati statistici

- aggiornamento al 03 ottobre 2018

di CAI Val Germanasca

Abbiamo voluto scrivere i numeri delle nostre attività, in modo da avere traccia del lavoro svolto come gruppo montagna CST - CAI
E dobbiamo dire che nel periodo trascorso di diciassette anni, dal giorno in cui il progetto è nato, vedere visualizzato sulla carta i numeri, i dati e il grafico complessivo delle attività ci ha stupito abbastanza

Il più delle volte, presi dalla frenesia del nostro tempo, si lavora giorno dopo giorno senza mai pensare alle attività che sono svolte e senza mai fermarsi per fare il punto della situazione
La pubblicazione dei dati delle attività svolte non è stata decisa in un'ottica di autoreferenzialità, ma per mettere nero su bianco che cosa il gruppo ha fatto, nel periodo considerato, sia all'interno dell'organizzazione del CAI, locale, regionale e centrale, che all'interno delle strutture pubbliche e private che gestiscono il servizio, oggetto di questo progetto

I numeri non rappresentano la qualità del servizio, ma sono sicuramente un'indicatore importante, una base di partenza, perchè senza di loro non è possibile fare un'analisi corretta delle attività e sapere dove si sta andando

Per una valutazione della qualità del servizio occorrerebbe attivare il processo di customer satisfaction (soddisfazione del cliente/utente) che possa rilevare il grado della sua soddisfazione nell'ottica del miglioramento del servizio che viene offerto
Come sappiamo il concetto di soddisfazione è strettamente collegato alle aspettative esplicite e latenti del cliente/utente e alla percezione della qualità del servizio e rilevare la customer satisfaction significa attivare un orientamento verso il cliente/utente e un orientamento verso il miglioramento della qualità del servizio offerto
Se troviamo il tempo e il servizio di riferimento lo ritiene interessante si potrà anche fare questo

Da punto di vista della salute fisica e mentale l'attività di Montagnaterapia produce sicuramente degli effetti benefici in quanto ci sono degli indicatori clinici oggettivi che vanno in questo senso, come ha scritto Paolo di Benedetto (Psichiatra e membro della commissione medica centrale del CAI), come ad esempio: " ... la riduzione al ricorso a periodi di ricovero ospedaliero e/o residenziale, la riduzione delle terapie farmacologiche, la riduzione delle dislipidemie, il mantenimento a norma della pressione sanguigna, il combattere le patologie degenerative muscolo scheletriche e l'aumento ponderale, la riduzione del rischio d'insonnia e di ansia e di fenomeni regressivi e/o depressivi, la riduzione delle sofferenze nella patologia oncologica, internistica e metabolica, come ad esempio nel diabete, con attivazione di meccanismi auto immunitari ormai sempre più avvalorati"

Da punto di vista della qualità del servizio, che come CAI Val Germanasca offriamo, crediamo sia a un buon livello, ma questo non lo dobbiamo dire noi, ma lo devono dire gli altri
L'impegno è tanto, sia nostro che quello degli educatori, questo è una cosa certa, ma noi lo facciamo volentieri perché è un'esperienza che vale la pena di essere vissuta
Per il momento lasciamo parlare i numeri, che sono oggettivi e trasparenti nella loro semplicità

Nel grafico è rappresentato in colore rosso il numero delle uscite ogni anno (dal 2001 ad oggi) e in colore verde il totale delle ore anno impiegate da ogni componente del gruppo, tenendo presente che è stata calcolata una media di 7 ore / giorno di attività


- - 

Post popolari in questo blog

Gli atti e i documenti, Sabato 2 giugno 2018, Presentazione del Progetto Montagnaterapia - C.S.T. di Perosa Argentina - C.A.I. Val Germanasca

Prali, mercoledì 18 luglio 2018, il Programma della giornata